Search Marketing, quattro domande a Giorgio Taverniti

L'evento sul digital Marketing

Manca poco al prossimo Search Marketing Connect (12 e 13 dicembre a Bologna), l’evento che da 14 anni si rivolge a imprese e professionisti approfondendo gli aspetti tecnici del digital marketing. Due giornate di formazione avanzata su SEO, PPC, Web Analytics, Machine Learning e molto altro. Abbiamo intervistato l’ideatore Giorgio Taverniti per parlare di come sta evolvendo questo settore.

  • Una volta il Search Marketing riguardava praticamente solo Google mentre oggi le persone cercano ovunque:  YouTube, Amazon, Facebook ecc. Come cambia il lavoro del SEO e del SEM?

Lo stesso Google è cambiato: oggi non è più solo Search, ma anche Discover e Assistant. È un cambiamento epocale quello che sta avvenendo e che in tanti ancora non riescono a cogliere. Sono cambiati i comportamenti, i modi in cui cerchiamo i contenuti e i modi con i quali facciamo le ricerche.
È più complesso l’ecosistema della ricerca, come dici tu è anche l’esplosione delle ricerche dentro i Social (YouTube e Facebook) e in siti verticali (Amazon). Per esempio le ricerche su YouTube sono state sempre rilevanti, oggi stanno diventando più specifiche.
Il lavoro SEO è cambiato parecchio perché oggi l’intercettazione del bisogno ha un peso molto più rilevante e sta diventando fondamentale avere un piano per provare a puntare una risorsa di riferimento tramite i contenuti e la loro distribuzione in più momenti di ricerca e in più motori.
L’ADS cambia anche: dall’Intelligenza Artificiale alle campagne più complesse stiamo vivendo un momento di grande fermento.
Possiamo dire che Internet è viva come non lo è mai stata? Possiamo dire che le evoluzioni stanno arrivando molto più velocemente di prima?
È veramente tutto molto interessante: in costante evoluzione.

  • Siamo passati da un concetto di semplice “ricerca” ad uno più articolato di “sessione di ricerca“, la customer journey degli utenti diventa più evoluta. In questo contesto, come cambia l’analisi dei dati per chi si occupa di web marketing? 

Il Viaggio dell’utente nella sessione di ricerca è ancora inesplorato per chi si occupa di web marketing, se non da un punto di vista di customer journey generico. Noi sono anni che cerchiamo di spingere le persone a capire che Google costruisce i suoi risultati di ricerca in questo modo, ma è difficile. Ora che anche Google lo ha finalmente dichiarato siamo più contenti.
Leggere i risultati di ricerca e capire che Google sta mostrando quei contenuti perché sa che dopo l’azione A tu farai l’azione B e te li mette vicini per accorciarti il viaggio è strategico: sai che contenuti produrre e quando.
Se si accorge che dopo la ricerca Volo Thailandia cerchi Cosa Vedere te li mette vicini. E quindi come possiamo noi non tenere in considerazione questo dato importantissimo?

  • Google continua a rilasciare novità, ultimamente è stato presentato il nuovo algoritmo “BERT” che migliora la comprensione degli intenti di ricerca, chi ti segue sa che non ci sono grosse novità per i SEO ma voglio chiederti: ad oggi secondo te la SEO tecnica quanto incide in percentuale sulla riuscita di un progetto online?

Per me la SEO non è tecnica. Ma, allo stesso tempo, la preparazione tecnica diventa sempre più importante. È come se fosse un livello profondo imprescindibile. È come se la SEO fosse un grande un telescopio, che ti permette di vedere la Luna. Grazie a questo riesci a vedere lontano, pianificare tutto per il viaggio nei minimi dettagli. Poi ci vuole qualcuno che si mette nella parte tecnica del viaggio e ti accompagni.
Ed è un viaggio che si fa insieme: Visione e Tecnica, stanno insieme, ma non è una roba Tecnica la SEO. La SEO è la ricerca continua dei bisogni delle persone

  • Search Marketing Connect 2019, cambia la Location (Bologna), cosa dobbiamo aspettarci di nuovo per quanto riguarda l’offerta formativa?

Molto sinceramente: questa sarà l’edizione più avanzata di sempre! Sarà veramente un “game changer“. Internet e Google stanno cambiando parecchio, mentre c’è chi ancora pensa ai click, ai risultati di ricerca come un tempo, alla paura del meno traffico qui si rischia di non vedere la rivoluzione che sta arrivando. Perché qui è in atto una rivoluzione che coinvolge molte cose: Discover, Assistant, Visual, Content, Intelligenza Artificiale, My Business, Predictive Analytics, Ecommerce, Ads, Cookie.
Negli ultimi 12 mesi sono successe cose importanti. Non sono cambiate le virgole e i punti. Sta cambiando tutta la storia.
Per questo avremo interventi approfonditi e tecnici su tutto quello che è successo durante quest’anno. E poi la Plenaria “Shaping The Future” dove ci saranno speech di visione che ci guideranno sugli aspetti su cui dovremmo lavorare nel 2020.
Miriamo a far crescere i professionisti del Digital Marketing con un evento avanzato.

Ringrazio Giorgio Taverniti per aver risposto alle nostre domande, ci vediamo a Bologna nella nuova sede del Centro Congressi di FICO Eataly World il 12 dicembre. Per qualsiasi informazioni e per assicurarti il tuo posto consulta il sito: www.searchmarketingconnect.it

Autore: Jacopo Modesti

Ideatore di Link2me.it, consulente web marketing freelance dal 2001. Triatleta nel poco tempo che gli rimane tra le due cose che ama di più, la famiglia e il lavoro.